Responsive design

multicanalità

L’uso di Internet tramite smartphone è in costante aumento e, in alcuni ambiti, il numero di utenti che naviga da cellulare ha sorpassato quello desktop. Google stesso ha deciso di premiare i siti mobile friendly con un posizionamento migliore ed è per questo motivo che WpWeb consiglia ai propri clienti la realizzazione di un sito in linea con l’approccio definito responsive design, un sito, cioè, in grado di adattarsi automaticamente al dispositivo utilizzato dall’utente nella navigazione.

In concreto un sito responsive utilizza un insieme di griglie che, tramite la scrittura di CSS e JS specifici, servono all’utente un layout adatto allo schermo del suo device.

L’approccio di responsive design è del tutto diverso rispetto alla metodologia che realizza più versioni del sito a seconda della piattaforma utilizzata dall’utente: il sito, nel responsive design è unico, non viene creata una versione ad hoc, magari con un dominio differente, destinata alla fruizione su cellulari. Questo tipo di metodologia, usata in passato, implicava costi di realizzazione e gestione del sito molto più alti in quanto occorreva uno sviluppo specifico, su tecnologie totalmente differenti, per la versione desktop e mobile.

WpWeb sostiene che il responsive design sia un giusto compromesso tra costi e benefici: l’accortezza di sviluppare con questa metodologia consente, senza una spesa aggiuntiva proibitiva, di ottenere un sito web fruibile facilmente da tutti i dispositivi mobili quali smartphone e tablet.

 

In alcune situazioni particolari, WpWeb sviluppa anche applicazioni multicanale che prevedono differenti versioni del sito, o più in generale della web application.
Le applicazioni multicanale consentono di distribuire contenuti adeguatamente formattati, a seconda della tipologia di dispositivo utilizzato dall’utente finale per la visualizzazione.

Tecnologia XML per una distribuzione multicanale dei contenuti
Le nostre soluzioni multicanale si basano sulla tecnologia XML, che mantiene la struttura dei dati separata dalla loro presentazione, ma permette di generare output differenti tramite il linguaggio XSL, a seconda del dispositivo cui tali output sono destinati. I contenuti inizialmente in formato XML sono poi trasformati in altri linguaggi (XHTML, cHTML…).